Lei Odissea – Testo

Maledetto il giorno in cui cominciò la mia Odissea
Arrivaron tempi bui di infinita agonia
Verso Ilio la flotta andò, strappò via il mio Odisseo
Dai miei baci, dal figlio suo, via da Itaca

Da quando son sola casa nostra brulica
Di pretendenti al nome di Re
Telemaco chiede “Mio padre dov’é?”
Gli dico: “Pazienza, non devi piangere”

Pesante la fatica, inventare ogni giorno una via d’uscita
Premono, i Proci vogliono violar la fedeltà, ma non cederò

Disperata ho detto che tesserò una tela
Completata l’opera il mio sposo sceglierò
Con il sole alto io filo a filo intreccio
La dannata tela che di notte disferò

E domani ancora tesserò la mia tela
Con la luna in cielo i suoi nodi scioglierò
Torna il sole alto e io i suoi fili intreccio
La dannata tela che di notte disferò

Quanto pesa la fatica, inventare ogni giorno una via d’uscita
Premono, i Proci vogliono violar la fedeltà, ma non cederò

Maledetto il giorno in cui…